Oggi avevo voglia di revival…

Oggi avevo voglia di revival.

Dopo essermi svegliata con un mal di schiena lancinante e averci messo più tempo di mia nonna ad alzarmi dal letto, rotolando fuori utilizzando varie posizioni  (e sento ancora la mia voce che alla critica mossa da mia madre sul mio letto rispondeva “Mamma, ma mica ho l’artrosi che non riesco ad alzarmi da un letto futon!”) e avere inspiegabilmente in testa “La terra dei cachi” di Elio e le storie tese, ho deciso che per lo meno avrei dovuto scalzare dalla testa la canzone, visto che per il mal di schiena posso fare ben poco…e cosa mi si è insinuato in testa? Rooster degli Alice in Chains. Oh, decisamente meglio. Così ho deciso che avrei tirato fuori il mio bel cd di Music Banks con Rooster e avrei ascoltato quello nel mio tragitto verso l’ufficio. Già quando è partita Rain when I die, camminavo nel parchetto sotto casa consapevole del fatto che era proprio un bel cd, riflettendo su quanto mi sono impigrita musicalmente e quanto trovassi ristoro in ascoltare qualcosa che fa veramente parte di me. Quando a Cadorna è partita Rooster ho alzato il volume e mi sono goduta la canzone in tutto quello che per me è splendore e liberazione. Sono uscita dalla metro ringiovanita di 10 anni, il che non è fantastico da dire, perché mi sento tanto vecchietta… Così ve la regalo, sperando che possa piacere anche a voi.

Rooster

Ain’t found a way to kill me yet
Eyes burn with stinging sweat
Seems every path leads me to nowhere
Wife and kids household pet
Army green was no safe bet
The bullets scream to me from somewhere

Here they come to snuff the rooster
Yeah here come the rooster, yeah
You know he ain’t gonna die
No, no, no, ya know he ain’t gonna die

Walkin’ tall machine gun man
They spit on me in my home land
Gloria sent me pictures of my boy
Got my pills ’gainst mosquito death
My buddy’s breathin’ his dyin’ breath
Oh God please won’t you help me make it through

Here they come to snuff the rooster
Yeah here come the rooster, yeah
You know he ain’t gonna die
No, no, no ya know he ain’t gonna die

PS: Nel frattempo ho compiuto 26 anni. Interessa? No, e nemmeno io credevo fosse una cosa interessante da postare. Ma il fatto che io comunque voglia aggiungere un PS per dirlo, fa si che io voglia renderlo importante e che voglia sottolineare comunque l’evento? Si.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...